Lavorare come tecnico meccanico in Assistec



Lavorare come tecnico meccanico in Assistec

Chi è il tecnico meccanico?

Nel settore della meccanica c’è un ruolo chiave molto ricercato: il tecnico meccanico, altrimenti chiamato perito meccanico. Una figura professionale che generalmente viene affiancata ad altri tecnici specializzati, come l’ingegnere meccanico, e che si dedica alla realizzazione di un prodotto meccanico o di un sistema automatizzato. Ne segue tutte le fasi della realizzazione, dal progetto dei componenti al loro montaggio, fino all’installazione di macchine utensili e alla loro successiva manutenzione. Negli ultimi anni, il settore meccanico lamenta una penuria di candidati in questo ruolo, essenziale per le smart factory moderne in ottica di Industria 4.0. Motivo per cui, quella del tecnico meccanico, è diventata una professione molto ricercata che può offrire ottime opportunità di lavoro.

Le diverse competenze dei tecnici meccanici

Le competenze del tecnico meccanico spaziano attraverso numerosi ambiti, portandolo spesso a specializzarsi in uno o più settori della produzione industriale. Questo spiega perché è una figura così richiesta sia dalle industrie tradizionali, come in quelle alimentari o in quelle siderurgiche, sia in quelle più innovative che utilizzano nuove tecnologie. Grazie alle sue conoscenze specifiche, a seconda del progetto a cui sta lavorando, il tecnico meccanico può leggere disegni tecnici, sia in 2D sia in 3D, verificando poi il funzionamento dei prototipi e svolgendo test su di essi. Inoltre, interviene in caso di eventuali errori o malfunzionamenti, e verifica che il sistema meccanico che gli è stato commissionato sia in linea con le richieste del cliente. Non bisogna dimenticare che il tecnico meccanico non segue solo gli aspetti meccanici ed elettromeccanici di impianti e macchinari, ma anche quelli elettronici, come nel caso di robot industriali e macchine CNC, pur non essendo una prerogativa.

Che scuola bisogna fare per diventare perito meccanico?

Per lavorare come perito meccanico all’interno di un’azienda occorre, prima di tutto, ottenere una qualifica tecnico-professionale, quindi un diploma da perito industriale o meccanico. Questi percorsi di studio, generalmente, comprendono materie come Meccanica, Fisica, Matematica, Elettronica, Disegno tecnico, Sistemi industriali, Automazione industriale e Lavorazione meccanica. Ci sono anche altre strade però. In alcuni casi, è infatti possibile accedere alle offerte di lavoro per questa professione anche soltanto attraverso una formazione di tipo pratico. Indipendentemente dal percorso del singolo studente, una volta ottenuta una qualsivoglia qualifica come perito meccanico, occorre proseguire con un periodo di pratica in azienda, nell’ambito di un tirocinio sotto la supervisione di un tecnico specializzato esperto.

Tutti gli sbocchi professionali del perito meccanico

In breve, il tecnico meccanico potrebbe potenzialmente collocarsi in tutti quegli ambiti in cui sono presenti impianti meccanici, computerizzati o robotici. Tuttavia, tra i settori di maggior interesse rientrano quello metalmeccanico, delle industrie che producono componenti e macchine di tipo meccanico e meccatronico, le officine meccaniche, gli studi di progettazione tecnica e le aziende che si occupano della manutenzione e dell’installazione di impianti di automazione a livello industriale.

Assistec è sempre alla ricerca di tecnici meccanici

L’esperienza di Assistec, iniziata più di 25 anni fa, continua ad ampliarsi e ad esplorare nuovi orizzonti. Anche la nostra famiglia di tecnici specializzati è in costante crescita, perché vogliamo avvicinarci a uno know-how sempre più specifico. Dal 1998, a Reggio Emilia, nel cuore della metalmeccanica italiana, assicuriamo supporto tecnico elettronico e meccanico per macchine utensili a controllo numerico e progettiamo isole robotizzate Robofeed. Questo ci porta ad integrare nel nostro staff figure sempre più esperte, per garantire la massima qualità al cliente.

Sei un tecnico meccanico o ti stai per diplomare come perito industriale e sei portato per il problem solving? Se la risposta è sì, contattaci oppure candidati alla posizione attualmente aperta per entrare a far parte del nostro team!

Post Recenti


  • Esplorando i diversi tipi di macchine a controllo numerico

    Non è difficile immaginare che sul mercato esistano tante macchine utensili CNC quante sono le funzioni che devono svolgere. Questo perché, con l’avvento di Industria 4.0 e delle smart factory moderne, questi macchinari hanno assunto nel tempo un ruolo sempre più predominante all’interno delle industrie, in particolare in quella manifatturiera. Il CNC fornisce efficienza, precisione e coerenza; vantaggi difficilmente garantiti dalla lavorazione manuale. Per classificare le macchine a controllo numerico esistono diversi metodi, che per lo più si basano sul design e sulla mansione svolta. Ecco quindi che individuiamo: fresatrici, torni, macchinari da taglio al laser o al plasma, foratrici, rettificatrici e diverse altre. Ognuna di esse ha caratteristiche proprie specifiche più o meno personalizzabili grazie ai programmi di progettazione assistita da computer (CAD) e di produzione assistita da computer (CAM), necessari per controllare il movimento degli utensili da taglio e dei pezzi in lavorazione.

  • Manutenzione macchine a controllo numerico: garantire prestazioni ottimali

    Bisogna stare attenti a non confondere la revisione delle macchine utensili CNC con la riparazione delle stesse. Mentre quest’ultima viene richiesta dal cliente nel momento stesso in cui si verifica un malfunzionamento dell’impianto e, di conseguenza, un’emergenza che potrebbe portare allo stop della produzione; la revisione è un intervento programmato e concordato con il proprio partner tecnologico. Durante quest’operazione, il macchinario viene smontato in ogni sua parte, vengono analizzati tutti i singoli componenti e, se necessario, sostituiti o riparati. La revisione regolare è cruciale per garantire efficienza, precisione e durata delle macchine a controllo numerico, perché permette di intervenire preventivamente evitando che alcuni piccoli problemi possano sfociare in gravi danni.

  • Le AI al servizio delle macchine utensili

    L’Intelligenza Artificiale è ormai tra noi. Proprio come fece cento anni fa l’elettricità, anche l’AI oggi promette di cambiare il mondo. Nessun settore industriale è esente da questo mutamento epocale, da quello alimentare a quello manifatturiero, fino al meccanico e tanti altri. Oltre ad essere sulla bocca di tutti, l’avvento delle Intelligenze Artificiali si sta imponendo sempre di più nel mondo del lavoro, segnando un nuovo passo in avanti per Industria 5.0, tanto da destare lecite preoccupazioni contrapposte a grandi aspettative dal punto di vista dell’ottimizzazione tecnologica nelle smart factory contemporanee. In particolare, per quanto riguarda l’integrazione con il parco macchine CNC, l’affiancamento a sistemi automatizzati, come robot e cobot, e per il miglioramento del flusso produttivo e della sicurezza sul posto di lavoro.